Delia Murer

(17 novembre 2016)

“Il Centro Donna di Venezia va rispettato nella sua autonomia, nella sua storia di indipendenza, elaborazione, militanza civile, che ne hanno fatto negli anni un vero e proprio luogo simbolo”. Lo dichiara Delia Murer, deputata Pd, a proposito della mobilitazione contro la riorganizzazione amministrativa del Centro decisa dalla Giunta comunale con la delibera 276 dello scorso 27 settembre. La deputata veneziana, insieme ad altre deputate venete del Pd (Camani, Casellato, Miotto, Moretto, Narduolo, Rotta, Rubinato) ha indirizzato una lettera-appello alla Ministra per le Pari Opportunità. Maria Elena Boschi.  “Le chiediamo – scrivono le deputate – di far sentire la sua voce e quella del governo contro lo smembramento di una buona pratica di valore nazionale che, nel solco di quanto previsto dalla Convenzione di Istanbul e dal Piano nazionale antiviolenza, è stata capace negli anni di tenere dentro un progetto unitario, con ottimi risultati, sia l’impegno sociale sia il lavoro culturale”.

“Da amministratrice – continua l’on. Murer – ho contribuito a far nascere il Centro Donna, che fu costruito proprio come intesa tra soggetto pubblico e associazioni e gruppi delle donne, con autonomia, unitarietà e indipendenza nell’elaborazione di azioni politiche e di cittadinanza attiva. Con questo spirito il Comune ha organizzato tre servizi unitari: il Centro Donna e la biblioteca, il centro antiviolenza e l’osservatorio, a cui si è sommato il centro multiculturale. Una struttura organica, che comunica internamente, che si sviluppa dentro un solo progetto complessivo. Una esperienza che è cresciuta molto negli anni, che è stata punto di riferimento nazionale, che ha declinato un modello di partecipazione e collaborazione attiva tra enti locali e associazionismo territoriale, nel rispetto reciproco di competenze e autonomie”.

Leggi tutto: Centro Donna, rispettarne lo spirito originario

(10 novembre 2016)

A poco più di tre settimane dal referendum, sale la tensione tra le forze politiche sia sul merito della riforma costituzionale sottoposta al voto popolare sia sugli scenari che esso determinerà.  “Io confido nel senso di responsabilità di tutti – commenta Delia Murer, deputata Pd -. Noi del Partito democratico abbiamo il dovere di rimettere in campo la nostra comunità, anche nello spirito, nella maniera di stare insieme. Ci possono essere scelte e valutazioni differenti senza per questo sconfinare in un clima di attacchi personali e delegittimazioni. Quello che si è scatenato all’indirizzo di un leader leale come Pierluigi Bersani, ad esempio, è sbagliato. Ognuno fa le sue scelte, le argomenta, e merita rispetto. Anche io sono convinta che l’accordo siglato sull’Italicum non significhi molto. Sarebbe stata necessaria ben altra iniziativa per rendere credibile la volontà di cambiare il sistema elettorale. E rimango dell’idea che con questo Italicum, la riforma costituzionale fa rischiare al Paese una deriva, cioè lo stravolgimento dei principi fondamentali della nostra Carta costituzionale. Non ce lo possiamo permettere, anche alla luce di quello che si muove nel mondo. Tuttavia, si può esprimere la propria opinione senza attaccare chi la pensa diversamente, mantenendo lo spirito di una comunità che si confronta ma non si lacera, che discute democraticamente ma non si divide. Ha detto bene Bersani: niente padroni e niente servi. Ma una comunità che sta insieme sulle idee, sui progetti, sul rispetto reciproco, nella dialettica, con un occhio fisso sulle questioni vere, che sono poi la crisi economica, la disoccupazione, la sofferenza delle persone, e l’ondata di rabbia che si solleva e rischia di travolgere tutto, anche la democrazia”.

 

(2 novembre 2016)

Il 4 novembre del 1966 è un giorno indimenticabile per Venezia e per tutto il nord Italia. Un lungo periodo di piogge attivò una serie di eventi alluvionali che seminarono disastri e paure. A Venezia, il flusso di marea fu molto superiore alla media. Proprio quel giorno l'acqua salì fino a 194 centimetri. Le difese furono travolte. Le onde invasero con violenza i luoghi. Gravissimi i danni per molti veneziani. "Sono passati cinquant'anni - ricorda l'on. Murer, deputata veneziana del Pd -; da quel momento è cresciuta la consapevolezza che una città speciale ha bisogno di cure speciali. Venezia aveva e ha necessità di una normativa e di un progetto costanti di tutela e conservazione. Per tutti c'è un prima del '66 e un dopo il '66. I discorsi sul dopo, però, a volte sembrano smarrire la memoria. Proprio nel cinquantesimo anniversario di quelle giornate drammatiche, dovremmo esercitare il ricordo e riattivare quel dibattito politico sui tratti di specificità di Venezia, a partire dalla Legge speciale, e del bisogno di un'attenzione particolare, che non è solo tutela dei luoghi e dell'incolumità, ma anche valorizzazione di un bene universale. In questi anni, non sempre ai dibattiti sono seguiti gli atti concreti. Ci vuole un aggiornamento della legge speciale, ci vogliono più risorse sulla manutenzione delle città. La situazione dei fiumi, per esempio, non ha trovato adeguata attenzione, a partire dal Piave, dal Tagliamento, dal Brenta; gli alvei non sempre riescono a contenere la portata dei corsi di acqua e questo mette in pericolo anche buona parte delle zone interne. E' necessario un grosso piano di messa in sicurezza per l'enorme tema della difesa idraulica".

Leggi tutto: Cinquant'anni dall'alluvione, tenere viva la...