Delia Murer

(22 febbraio 2018)

“La questione fiscale è diventata centrale in questa campagna elettorale. Si parla di flat tax, che è una proposta che aiuta i ricchi e penalizza i poveri. Non è la nostra idea. Noi vogliamo un fisco equo, giusto e progressivo”. Lo dichiara la vicecapogruppo alla Camera di Mdp-Liberi e uguali, Delia Murer. “Sul tema fiscale abbiamo presentato agli elettori un programma chiaro, con un tratto distintivo di sinistra – continua la deputata -, con una attenzione alla redistribuzione della ricchezza con una lotta seria all’evasione fiscale e all’elusione perché sottraggono al bilancio dello Stato risorse fondamentali. Chiediamo che sia ridotta l'aliquota Irpef per il primo scaglione così da ridurre il carico sui redditi bassi e medi e che le altre siano più progressive in modo da agevolare chi ha di meno e chiedere di più ai redditi alti. E' quanto prevede, del resto, la nostra Costituzione”.

Nel programma fiscale di Liberi e uguali anche: detrazioni per carichi familiari unificate con gli assegni familiari in uno strumento unico di sostegno alle famiglie, da estendere anche ai lavoratori autonomi; sostituzione dei tanti prelievi esistenti sui redditi da capitale e sul patrimonio mobiliare e immobiliare con un’imposta unificata con aliquota progressiva e minimi imponibili adeguati, che lascino esenti i patrimoni inferiori alla media; introduzione a livello europeo di una vera imposta sulle transazioni finanziarie (Tobin Tax) e proposta europea per una tassazione sui profitti delle multinazionali.