Delia Murer

 

Una risoluzione del Pd in commissione Affari sociali per rilanciare il tema della tutela della maternità consapevole, dell’aiuto alla condizione femminile, per riattivare la rete dei consultori. “Questo governo – dice Delia Murer, una delle promotrici dell’iniziativa – riesce solo a fare un’oscena propaganda sui temi della maternità. Si scaglia contro la pillola abortiva, che altro non è che un farmaco utilizzabile in alternativa alla chirurgia nell’interruzione di gravidanza, una cosa che esiste nel resto del mondo senza che si sollevi alcuna polemica. Fa una battaglia ideologica con argomenti osceni, offensivi, fuorvianti ma poi non fa nulla per la tutela vera della donna e della maternità, per l’affermazione di un’autentica cultura della vita, che significa consultori, politiche per la condizione femminile, welfare locale efficiente. Noi intendiamo incalzare il governo su questa contraddizione e chiediamo più risorse, più azioni sui temi veri della condizione femminile e della maternità”. La risoluzione sarà discussa e votata nelle prossime sedute della commissione e se approvata impegnerebbe il Governo a stanziare più fondi e garantire più attenzione al tema delle politiche che favoriscano l'occupazione femminile, i congedi parentali, i servizi sociali per l'infanzia, la scuola, la cura dei più deboli.

Leggi tutto: Rilanciare la politica per le donne

"Provo una grande emozione, che è naturale: basta pensare a quanta storia è passata per il Comune di Venezia". Sono le prime parole dopo l'insediamento del nuovo sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, accolto oggi a Ca' Farsetti dall'ormai ex sindaco Massimo Cacciari. "Orsoni è una persona preparata, ha grandi capacità di mediazione e di ascolto - ha detto Cacciari -. Credo sia la persona adatta anche per far crescere una nuova dirigenza e nuovi amministratori. Ho completa fiducia nel suo lavoro".

Leggi tutto: Si insedia il nuovo sindaco di Venezia

"A Venezia la grande e discussa avanzata leghista si è bloccata": lo ha detto il sindaco uscente, Massimo Cacciari, sceso in sala stampa al Municipio, annunciando la vittoria al primo turno di Giorgio Orsoni, candidato della coalizione di centrosinistra. Nella vittoria di Giorgio Orsoni a sindaco di Venezia e' stata ''decisiva l'Udc'', ha continuato Cacciari. L'''unita' strategica'' tra il Centrosinistra e l'Udc e' per Cacciari ''la prospettiva giusta per interrompere l'ondata demagogica, fondamentalista e populista che sta impedendo al Paese di risalire la china''.

Cacciari ha definito ''coraggiosa'' la scelta dell'Udc ed ha messo in rilievo che l'Unione di centro non ha perso un voto alleandosi con il centrosinistra. ''Questo dimostra che l'elettorato serio di centro vuole andare in questa direzione. Anche il risultato negativo del Pdl in Veneto dimostra che anche li' c'e' un elettorato che non vuole farsi vampirizzare dal leghismo attuale. Questo deve servire da monito per il Pd, che deve aprire non solo il dialogo con l'Udc, ma con quell'area liberale, democratica e cristiana''.

Oggi a Montecitorio, Sala della Lupa, incontro in onore di Pietro Ingrao in occasione del suo novantacinquesimo compleanno. Con questo incontro, la Camera dei deputati ha voluto esprimere il suo augurio più fervido all’onorevole Pietro Ingrao, alla presenza  del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, del Presidente emerito della Repubblica, Oscar Luigi Scalfaro, degli ex Presidenti della Camera, Luciano Violante, Pier Ferdinando Casini, Fausto Bertinotti. Durante l’incontro il filosofo Mario Tronti ha svolto una lectio magistralis sul tema “Persona e politica”, che pubblicheremo su questo sito non appena sarà stenografata dagli uffici della Camera.

Leggi tutto: Ingrao, la persona e la politica

Non arriva in laguna l'onda leghista che ha travolto il Nord. Giorgio Orsoni, candidato del centrosinistra, diventa sindaco di Venezia al primo turno, battendo con nove punti di vantaggio il ministro della pubblica amministrazione Renato Brunetta, candidato del centrodestra. Secondo i dati forniti dal Viminale, con 275 sezioni scrutinate su 303 Orsoni ha ottenuto 51,26% contro il 42,48% di Brunetta, con uno scarto di circa 12.000 voti. "Abbiamo lavorato seriamente, proposto un programma credibile, e la città ci ha dato fiducia", dice Orsoni, che guida una coalizione molto vasta che va dall'Udc a Rifondazione. "Un risultato abbastanza straordinario visto l'andazzo generale e le difficoltà del centrosinistra nel paese", afferma il sindaco uscente Massimo Cacciari, che aveva scelto personalmente Orsoni per la sua successione, ed era stato il più convinto sostenitore della necessità di un'alleanza "strategica" con l'Udc.

Leggi tutto: Grande vittoria di Orsoni