Delia Murer

(16 ottobre 2014)

“Il nomenclatore tariffario sarà aggiornato entro il mese di dicembre”. La promessa è del presidente del Consiglio, Matteo Renzi. “Ho sentito il ministro della Sanità Lorenzin – ha continuato -, hanno preso l’impegno. Spero di riuscire ad anticipare, anzi ne sono certo”. “Mi auguro che questo impegno sia mantenuto – commenta Delia Murer, deputata della commissione Affari sociali -; sono anni che ci battiamo per l’aggiornamento di questo importante strumento tecnico, che è in vigore dal 1999 e non è stato mai più aggiornato. L’attesa tra le famiglie di disabili è alta e speriamo, stavolta, che non sia delusa”. Nel Nomenclatore tariffario ci sono tutti gli ausili, ortesi e protesi  (carrozzine, stampelle, ginocchia artificiali…) che il Servizio Sanitario Nazionale passa gratuitamente a chi, con disabilità permanente o temporanea, ne abbia bisogno secondo prescrizione. Il Nomenclatore, però, è non solo tecnico elenco ma catalogo di  opportunità di autonomia che la tecnologia può offrire a chi ne abbia bisogno.  Aggiornarlo significa fornire strumenti più moderni per la vita quotidiana: ausili per il movimento, per la comunicazione, per tutto ciò che può aiutare a costruire una esistenza meno afflittiva. Avere in vigore un elenco del 1999 significa assumere come riferimenti dispositivi che potevano essere moderni o all'avanguardia 15 anni fa, ma che oggi risultano obsoleti e superati. 

 “Ecco perché assume una importanza fondamentale – conclude la deputata Murer – rimetterci le mani e riscrivere completamente il Nomenclatore, anche alla luce di una idea tutta nuova di ausilio, che, grazie alla tecnologia, non è più uno strumento di assistenza ma sempre più un mezzo di recupero funzionale e di inclusione sociale”.