Delia Murer

Vivo a Mestre che è divenuta la mia città per relazioni, impegno politico, sociale e civile.

Sin da giovane ho partecipato con passione alla vita politica perchè penso sia la scelta necessaria per poter contribuire alla crescita civile ed economica del Paese. Perchè la politica, esercitata con rigore morale, è lo strumento indispensabile per poter affermare i nostri diritti di cittadini, donne e uomini, per migliorare la nostra vita, la società e l’ambiente in cui viviamo.

Da sempre sono attiva nel movimento delle donne e penso che oggi servano nuove risposte ai nostri problemi che aiutino a conciliare tempi di vita e tempi di lavoro attraverso seri provvedimenti fiscali e nuovi servizi per le famiglie. Oltre ad un incremento dell’occupazione femminile fuori della precarietà.

Come assessora provinciale ho lavorato per tutelare e valorizzare il nostro territorio, promovendo la cultura della prevenzione e della sicurezza dei cittadini.

Come assessora alle Politiche Sociali e Rapporti con il Volontariato nella giunta comunale di Venezia mi sono battuta per mantenere l’attuale livello di welfare promuovendo solidarietà e inclusione e chiamando a lavorare insieme istituzioni, ipab, terzo settore e volontariato. Ho lavorato nella convinzione che una città debba essere governata attraverso la coesione sociale che mira a evitare le discriminazioni razziali e culturali.

Ho capito in questi anni di lavoro amministrativo, che molte nostre difficoltà richiedono cambiamenti e innovazioni nelle politiche nazionali.

Nell’aprile del 2008 sono stata eletta alla Camera dei Deputati nelle liste del PD. In quella legislatura ho fatto parte della Commissione Affari Sociali.

Nel dicembre 2012 ho presentato la mia candidatura, nel collegio di Venezia, alle primarie per l'individuazione dei candidati del Pd al Parlamento. Con 2826 voti mi sono classificata terza, prima delle donne, e ho maturato l'accesso alla lista del Pd per le Politiche del 2013.

Sono stata candidata al quarto posto nella lista bloccata del Partito democratico per la Camera dei deputati, nel collegio Venezia 2, e sono stata eletta. Ho chiesto e ottenuto di far parte nuovamente della Commissione Affari Sociali, dove ho proseguito il lavoro avviato sui temi a me più cari come welfare e inclusione sociale, democrazia paritaria, migrazione e diritti, salute e coesione sociale.

Nel febbraio 2017 ho lasciato il Partito Democratico e ho aderito al Movimento Democratici Progressisti, di cui sono vicecapogruppo alla Camera.