Delia Murer

(26 ottobre 2017)

La presidente Pd della commissione Sanità del Senato, Emilia Grazia De Biasi, si è dimessa da relatrice sulla legge del cosiddetto biotestamento. Viene così dato mandato alla Conferenza dei capigruppo per valutare l'invio del provvedimento in Aula senza relatore. "Non ci sono le condizioni - ha detto De Biasi - per continuare il lavoro in Commissione. Quindi rimetto il mio mandato di relatore". “E’ una notizia molto positiva – commenta Delia Murer, deputata Mdp, vicecapogruppo alla Camera -; a questo punto il provvedimento può andare direttamente in Aula e provare lì a trovare i voti per un’approvazione senza modifiche, unica condizione per avere una legge prima della fine della legislatura”.  La proposta di legge, infatti, è stata già approvata dalla Camera ma è rimasta bloccata per mesi in commissione al Senato a causa dell'ostruzionismo di alcuni gruppi politici, che, contrari alle nuove norme, hanno depositato migliaia di emendamenti. Le dimissioni della relatrice sbloccano per il momento la situazione. La palla passa alla Conferenza dei capigruppo del Senato, che dovrà decidere se far arrivare il testo in aula senza mandato alla relatrice e, nel caso, quando calendarizzare il provvedimento.

I tempi sono stretti. Chiusa la legge elettorale, il Senato inizierà subito la sessione di bilancio. Il biotestamento potrebbe arrivare in aula tra la fine di novembre e l'inizio di dicembre. Il tutto dovrebbe chiudersi, senza alcuna modifica, prima della pausa natalizia. “Non sarà facile – commenta ancora la deputata Murer – ma lo sforzo va condotto fino alla fine, su questo tema come su quello della nuova Cittadinanza. Sono due legge già varate dalla Camera, che il Senato dovrebbe approvare senza modifiche per poter chiudere la legislatura segnando due elementi importanti sul terreno dei diritti e della civiltà”.