Stampa 

(9 gennaio 2014)

"La Bossi-Fini si dovrà rivedere, ma attenzione alle parole del Papa: ha indicato le politiche giuste per le persone più deboli". Lo ha detto Cecile Kyenge, ministra dell'Integrazione, aggiungendo che il suo obiettivo principale per il 2014 è dare alla luce una nuova legge per la cittadinanza. E l'Italia - ha sottolineato - "si è orientata sempre di più sullo Ius soli temperato". “Non posso che condividere le parole della Ministra Kyenge – dice Delia Murer -; tuttavia mi sento di invitare anche lei, e tutto il Governo, ad una maggiore operatività su questo tema. Ormai abbiamo detto più e più volte quali sono gli obiettivi e le necessità. E’ ora di mettersi al lavoro con atti concreti. Si deve intervenire sui Cie, chiudendoli. Si deve cambiare la Bossi Fini. Si deve abolire il reato di clandestinità. Si deve ripensare il modello intero della migrazione in questo Paese, a cominciare dal tema della cittadinanza. Sono sicuramente fatti complessi ma su questi, al momento, stiamo consumando solo slogan. Manca una proposta organica del Governo, su cui intavolare il dibattito parlamentare. In questo modo non arriveremo mai ad un risultato. Bisogna accelerare e dare un impulso, non solo nelle intenzioni, a questa materia. Ci aspettiamo segnali più concreti”.