Delia Murer

(30 aprile 2013)

Signora Presidente, onorevoli deputati, appena una settimana fa il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, pronunciava il suo discorso di insediamento alla Presidenza della Repubblica. A lui consentitemi di rivolgere un sincero ringraziamento per lo straordinario spirito di dedizione alla nostra comunità nazionale, con il quale ha accettato la rielezione per il secondo mandato Voglio inoltre ringraziare i Presidenti?? del Senato, Piero Grasso, e della Camera, Laura Boldrini, per la collaborazione offerta nella fase di consultazione in questo primissimo avvio dell'esperienza di Governo. Quella del Presidente Napolitano è stata – lo sappiamo – una scelta eccezionale. Eccezionale perché tale è il momento che l'Italia e l'Europa si trovano a vivere oggi. Di fronte all'emergenza il Presidente della Repubblica ci ha invitato a parlare il linguaggio della verità.

Leggi tutto: Intervento in Aula del presidente Letta

(17 marzo 2013)

“Due nomi di altissimo profilo, che testimoniano la possibilità di un cambiamento che mantenga radici nella competenza, nella solidità, che non sia un salto nel buio. La scelta di Laura Boldrini alla Camera e quella di Piero Grasso al Senato sono un segnale inequivocabile”. Lo dichiara Delia Murer, deputata del Pd, in occasione delle prime sedute della Camera dei deputati chiamate ad eleggere i presidenti. “Nei primi scrutini abbiamo votato scheda bianca – continua Murer – per dare un segnale di apertura, per avviare un ragionamento con altri soggetti. Poi, alla chiusura di tutte le strade, abbia fatto una scelta interna al centrosinistra, e mi sembra che l’orientamento sia netto. La direzione è del cambiamento, non improvvisato, con persone serie, di spessore, di competenza, che guardino fortemente alla legalità e al sociale”.

“Mi piace sottolineare soprattutto il profilo di Laura Boldrini – spiega l’on.Murer -, una donna impegnata in primissima linea sul fronte umanitario. Il suo lavoro per la tutela dei rifugiati politici, la sua fortissima sensibilità ai temi della solidarietà, la sua conoscenza del mondo dei migranti, il suo prestigio internazionale, e al tempo stesso la discontinuità. Una deputata alla prima elezione, una provenienza netta dalla società dell’impegno civile. E, poi, una donna, segno anche questo che ci sono tutte le condizioni politiche per una svolta. Vedremo, nelle prossime settimane, se si riuscirà a tradurre il tutto anche in una proposta per il Governo. Il Paese ha bisogno di risposte rapide e serie. Il profilo dovrà essere quello di questa occasione. Impegno sociale, legalità, solidarietà, alto profilo, competenza. Noi siamo pronti a fare la nostra parte. La situazione è difficile, ma il dovere è provarci”.

 

(13 dicembre 2012)

“Sono stati giorni difficili per la tenuta del Paese. Ogni volta che Berlusconi entra sulla scena l’Italia paga un prezzo in termini di credibilità e solidità. Speriamo di non veder vanificati, in poche settimane, i sacrifici fatti per un anno intero. La preoccupazione c’è, ma c’è anche la consapevolezza di aver, nel centrosinistra, un progetto chiaro, una leadership solida, un programma condiviso per le prossime elezioni”. Lo dichiara Delia Murer, dopo la decisione del Pdl di non votare più la fiducia al Governo, e di accelerare il percorso verso il voto. Si andrà alle urne, probabilmente, il prossimo 17 febbraio, circa due mesi prima della scadenza naturale della legislatura. Una improvvisa velocizzazione che lascia a terra alcuni provvedimenti importanti e mette il Paese nel rischio di una campagna elettorale accesa e dura. “L’Italia – continua l’on. Murer – non ha bisogno di risse ma di progetti. C’è una sofferenza sociale enorme. Dobbiamo tracciare una strada per uscire dalla crisi, con serietà e credibilità. Questo è il nostro compito e su questa linea ci muoveremo”. Di seguito il discorso che il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, ha tenuto alla Camera in occasione del voto di fiducia al Governo.

 

Leggi tutto: Una strada per uscire dalla crisi

Di seguito, un elenco con i titoli dei principali atti prodotti dall'on. Delia Murer nel corso della sedicesima legislatura della Camera dei deputati.

Proposte di legge presentate come prima firmataria

  • Modifica all'articolo 22 del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, in materia di durata del permesso di soggiorno per il lavoratore extracomunitario temporaneamente privo di un contratto di lavoro subordinato
    (presentata l'11 febbraio 2009, annunziata il 12 febbraio 2009)

    Leggi tutto: Le cose fatte

(6 dicembre 2012)

“Veniamo da anni di demagogia sul tema carcerario e della sicurezza. Un populismo che si è tradotto nel paradosso di vedere, da una parte, imbarbarite le condizioni detentive e, dall’altra, aumentata la criminalità. Con questo provvedimento si pone fine all’assurda politica della paura e si affronta il tema del carcere com’è giusto in una società civile”. Lo dichiara Delia Murer, a margine dell’approvazione, a Montecitorio, del disegno di legge che delega il Governo in materia di pene detentive non carcerarie. “Abbiamo un sistema penitenziario che, scontate le pene, restituisce alla società individui peggiori – continua la deputata -; la cosa è contraria al nostro dettato costituzionale ed è anche inutile ai fini sociali. Il risultato è l’aumento della criminalità correlato alla situazione carceraria da allarme sociale.

Leggi tutto: Basta demagogia sul carcere