Delia Murer

(13 ottobre 2017)

Una mozione per chiedere al Governo uno scatto nella lotta alla violenza di genere, rispetto sia alla tutela della vittima, sia alle misure di prevenzione sia allo studio di strumenti che agiscano sulle cause del fenomeno. L'ha depositata alla Camera di il gruppo di Articolo 1 – Mdp. Sarà in discussione nell'aula di Montecitorio la prossima settimana. “Registriamo – commenta Delia Murer, vicecapogruppo alla Camera di Mdp – con sempre maggiore frequenza, episodi di violenza sulle donne, che spesso assumono connotati tragici, drammatici, come nei casi di femminicidio. Da tempo invochiamo un cambio di passo nelle politiche pubbliche. Con questa mozione proviamo ad impegnare il governo a promuovere con urgenza azioni che siano punitive per i colpevoli, che sia preventive per la tutela della donna che denuncia, che siano protettive verso le vittime. Misure che agiscano anche sulle cause strutturali della violenza sulle donne, quel blocco culturale, educativo, a cui tutti si riconduce”

Ecco il testo integrale della mozione.

Leggi tutto: Violenza di genere, mozione Mdp

(14 settembre 2017)

Una interrogazione al Ministro della Giustizia per chiedere un intervento contro l’estinzione del reato col risarcimento per alcune tipologie di stalking. L’ha presentata la deputata di Articolo Uno Mdp, Delia Murer. “Le recenti modifiche al codice penale – ha scritto la parlamentare - prevedono l'introduzione dell'articolo 162-ter, con l'estinzione del reato per condotta riparatoria in alcune circostanze; tra queste i reati procedibili a querela soggetta a remissione, quindi anche alcune fattispecie legate al reato di stalking, quelle cioè definite di "molestie", senza le circostanze aggravanti. E’ un fatto grave. Un reato diffuso come lo stalking, ancorché senza le aggravanti, non può vedersi estinguere la pena con un risarcimento, ovvero addirittura attraverso un’offerta di denaro proposta dall’imputato e considerata congrua dallo stesso giudice, anche senza il consenso della vittima. Ne va della natura stessa della norma, su cui bisogna intervenire”.

Leggi tutto: Stalking, interrogazione al Governo

(22 giugno 2017)

Una interrogazione urgente per chiedere al Governo di aprire immediatamente un tavolo di confronto con la Cgil e le altre organizzazioni sindacali per raggiungere un'intesa sul tema del lavoro occasionale e rivedere la normativa che ha di fatto reintrodotto i voucher. Lo ha presentato il gruppo di Articolo 1 Movimento democratico progressista, con il capogruppo Laforgia come primo firmatario. “La legge con cui è stato convertito il decreto 50 – commenta l’on. Delia Murer, vicecapogruppo alla Camera di Mdp – prevede una nuova disciplina del lavoro occasionale dopo l’abolizione dei voucher. Questi erano stati cancellati grazie ai tre milioni di firme raccolte dalla Cgil e al referendum abrogativo indetto e poi annullato. La nuova disciplina, però, rischia di essere una operazione di aggiramento del referendum e una riproposizione dei voucher, visto che tra le altre cose regolamenta il lavoro accessorio anche presso le imprese, con un margine temporale troppo elevato per i datori di lavoro in ordine alle comunicazioni. Per questo si rende necessario un intervento del Governo”.

Ecco il testo integrale dell’interrogazione presentata e a seguire la risposta del Ministro Poletti e la replica del deputato Giorgio Piccolo. 

Leggi tutto: Voucher, question time alla Camera